Un esempio di architettura organica: il formicaio

Palais Bulles, di Pier Cardin. Progetto dell’arch. Anti Lovag

Scrivere questo post mi è costato non poco sacrificio: ho dovuto superare il mio grande ribrezzo per gli insetti per cercare il video da cui è stato tratto il documentario trasmesso da Superquark il 26 agosto. E tutto per amore della scienza!

Scherzi a parte, nel video in questione (al minuto 3) un gruppo di studiosi getta una colata di cemento in un formicaio abbandonato per studiarne le cavità e capire di più sui loro abitanti.

Tralasciando l’aspetto naturalistico sono rimasta affascinata da ciò che è emerso: la forma è quella di una vera e propria città che si sviluppa sia in verticale che in orizzontale, con stanze e cunicoli; un esempio naturale (è il caso di dirlo) di architettura organica, molto somigliantealle città del futuro, scenografie di tanti film di fantascienza.

E voi, cosa ne pensate?

Link del video: http://www.youtube.com/watch?v=lFg21x2sj-M&feature=youtu.be

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please solve captcha first
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.