Antonio, tavolo estensibile

antonio

E’ appena arrivato e già mi sta dando grandi soddisfazioni!

Antonio è la prima “novità” che ho piacere di mostrarvi in questo 2013, un progetto cominciato 6 mesi fa e che ha visto la sua realizzazione grazie alle mani di un sapiente artigiano e tanta passione.

Mi piacerebbe raccontarvi di come è nato e da dove ho tratto ispirazione e magari fare lo stesso, in futuro, per tutti gli altri progetti del mio portfolio.

Antonio1

Antonio è nato da una esigenza che, se da un lato è pratica, dall’altro è emotiva.
Tra tutti gli oggetti, i mobili, gli accessori che abitano una casa, nulla ha più valore di un tavolo.

Il tavolo è un pò il simbolo della famiglia, è il punto dove incontrare gli amici, il supporto dove scrivere, studiare, creare. I miei tavoli (sono sicura anche i vostri) sono stati ammaccati, graffiati, macchiati, scheggiati, coperti e puliti milioni di volte.

Il tavolo racconta la nostra storia ed insieme il nostro modo di vivere.Antonio2

Il progetto, sin dall’inizio, si è avvalso della collaborazione di una persona preziosa: Antonio Rotella (mio padre), che ha contribuito con la sua passione, le sue doti tecniche e la sua manualità all’ideazione ed alla realizzazione dell’opera.

Ma partiamo dall’inizio: per prima cosa Antonio doveva essere un tavolo allungabile, perchè se da un lato avrebbe dovuto adattarsi ad una piccola stanza dall’altro non volevamo tralasciare la possibilità di ospitare, all’occorrenza, un maggior numero di persone. Nel progetto è stato quindi introdotto l’utilizzo di guide in alluminio.

Antonio4

Una seconda esigenza, che è venuta fuori quasi in contemporanea, era di realizzare un tavolo in legno massello. Il legno massello è croce e delizia per un falegname: respirando, non si cristallizza in una forma ma vive le stagioni e l’ambiente in cui è collocato al pari dei suoi proprietari. Così è stato necessario tenere conto di alcune tolleranze di forma nella realizzazione delle sue parti.

Infine abbiamo pensato all’emozione collegata all’utilizzo di Antonio ed alla sua presenza, viva, in una stanza. E’ stato quindi naturale comunicare attraverso i sensi. Luce e colore, texture e persino odore, sarebbero stati i modi attraverso cui Antonio si fa sentire.

Antonio5

E il design? E’ “semplicemente” intervenuto a fare, di tutti questi tasselli, di tutte queste idee e sensazioni, un’opera completa e coerente.

Antonio3

Ora mi piacerebbe sapere cosa ne pensate voi di Antonio e della sua genesi e se vi piace l’idea di raccontarvi la storia legata ad ogni mio progetto, vecchio e (presto) nuovo!

 

Antonio, tavolo estensibile, realizzato in massello di rovere red, spazzolato e tinto noce ed infine trattato a cera.
Design by Antonio e Adele Rotella.

Link: http://www.adelerotella.com/portfolio/antonio/

4 comments

  • 26 gennaio 2013 at 13:16 // Rispondi

    Adele cosa dire…un progetto maturo, pulito, coerente, degno di essere acquistato su larga scala. Complimenti a te e a tuo padre!

    • 26 gennaio 2013 at 15:40 //

      Grazie Jole, siamo molto soddisfatti del risultato. Per la “larga scala”… beh vedremo, magari dipendesse solo da me!

  • 18 febbraio 2013 at 19:36 // Rispondi

    Antonio è incantevole, forma essenziale e finitura morbida, calda, evoca quei tempi in cui la natura e l’umanità erano amici !!! complimenti Adele !!

    • 19 febbraio 2013 at 07:55 //

      Ciao Glenda, i tuoi complimenti sono motivo di orgoglio per me. Grazie.
      Passa ancora da queste parti, ti abbraccio! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Please solve captcha first
Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.