La casa Inglese

  C’era una volta 3 porcellini molto felici ma un pò preoccupati perché girava voce che un brutto lupo cattivo girava da quelle parti. Per difendersi ognuno di loro decise di costruirsi una casa. Il primo porcellino costruì una casa di paglia, il secondo porcellino costruì una casa di legno e il terzo porcellino costruì la casa Inglese. Tutti sappiamo che fine fecero le case dei primi due porcellini ma nessuno seppe cosa capitò al terzo porcellino della casa Inglese. Il terzo porcellino ci mise davvero poco a costruire la sua casa e... Read The Rest →

Potenzialità ed il Castello di Sammezzano

fonte www.lamiabellatoscana.com Troppo spesso ci si dimentica che l’uomo ha delle potenzialità immense. E’ capace di creare tanta bellezza quanta ce n’è in natura e, per certi versi, si sostituisce ad essa quando si perde nei propri sogni fanciulleschi, nelle proprie aspirazioni, nei desideri di immenso e semplicemente crea il suo mondo, la sua verità. Sono questi i sentimenti che provo quando sono di fronte ad un’opera d’arte. E non parlo solo di quadri e sculture ma di tutte le manifestazioni della creatività, soprattutto quando queste sono lontane dai musei... Read The Rest →

Invito alla trasmissione radiofonica AmàtelA

AmàtelA è una trasmissione radiofonica sull’architettura con discussioni, approfondimenti, segnalazione di eventi e concorsi per i giovani creativi, proposte di letture, di ascolto e cinematografiche. Ospiti della 20° puntata l’arch. Claudio Gambardella, il Laboratorio Ex ed io. Se vi siete persi la diretta ecco il link da cui (presto) potrete scaricare la registrazione: di particolare interesse l’intervento dell’arch. Claudio Gambardella (nonché mio ex docente universitario) che ha risposto con estrema semplicità e cognizione di causa alle intelligenti domande preparate da Antonio Buonocore. Sono molto vicina alle opinioni del professore e come... Read The Rest →

La poetica della materia: la bellezza della sinestesia (3° e ultima parte)

dettaglio della fabbrica Ricola Europe, Svizzera. Progetto di Herzog & de Meuron Per non perdere il “filo del discorso” vi segnalo i link della parte 1 e della parte 2 di questo post, scritto da Jole Paolantonio. Natura: un’analogia strutturale Il rapporto di H&deM con la natura è davvero molto profondo. La necessità di una percezione che come precedentemente scritto coinvolge tutti i sensi implica un contatto con la natura che non si limita ad una mera copia di essa, ma va ben oltre ogni aspettativa. Nella storia dell’architettura il... Read The Rest →

La poetica della materia: la bellezza della sinestesia (parte 2)

de Young Museum, progetto di Herzog & de Meuron   Se ve la siete persa ecco la prima parte del post, scritto da Jole Paolantonio. Potere all’edificio Non è un caso che H&deM non attribuiscano nomi ma numeri ai propri lavori.  Il metodo di lavoro dei due svizzeri si basa su un processo che sfrutti il potenziale dell’architettura inteso come energia emanata dal contesto in cui  si opera, ma soprattutto come processo cognitivo che si sviluppa naturalmente e che inevitabilmente provoca una continua mutazione formale e concettuale. Ogni progetto è... Read The Rest →

La poetica della materia: la bellezza della sinestesia (parte 1)

Con questo post si inaugura “alla grande” la rubrica dedicata all’architettura, con un articolo molto interessante ed approfondito sullo studio di Herzog & de Meuron, scritto da Jole Paolantonio. Per alleggerirvi la lettura ho ritenuto opportuno dividerlo in tre parti, con un appuntamento a settimana. gli architetti Jacques Herzog e Pierre de Meuron La poetica della materia: la bellezza della sinestesia di Jole Paolantonio Intro L’architettura parla, dialoga con lo spazio, muta i rapporti tra uomo e città. Nelleopere di Herzog & de Meuron questo aspetto rappresenta solo la punta... Read The Rest →

Un esempio di architettura organica: il formicaio

Palais Bulles, di Pier Cardin. Progetto dell’arch. Anti Lovag Scrivere questo post mi è costato non poco sacrificio: ho dovuto superare il mio grande ribrezzo per gli insetti per cercare il video da cui è stato tratto il documentario trasmesso da Superquark il 26 agosto. E tutto per amore della scienza! Scherzi a parte, nel video in questione (al minuto 3) un gruppo di studiosi getta una colata di cemento in un formicaio abbandonato per studiarne le cavità e capire di più sui loro abitanti. Tralasciando l’aspetto naturalistico sono rimasta... Read The Rest →