Cavolo che design

Cavolo che Design, Editrice Compositori.


Gola e design. Come avevo già detto qui:

cucinare è un pò come progettare, ma molto più appetitoso!
C’è l’ideazione e la pianificazione delle operazioni. Ci sono i processi di trasformazione, spesso artigianali,  delle materie prime. Ci sono gli strumenti giusti da utilizzare, le temperature e i tempi ideali e segnali di colore, di odore, di densità, da interpretare. Infine non bisogna sottovalutare la presentazione del prodotto: largo spazio alla creatività ed alla personalizzazione.

Cavolo che design contiene 70 ricette con le verdure spiegate e illustrate da altrettanti designers che trovano così lo spunto di raccontare il proprio rapporto con il cibo e il modo, tutto personale, di essere creativi in cucina.

Il libro è il primo di 7 volumi a tema, un progetto nato dalla collaborazione tra Ottagono e Gaggenau e dal successo del libro Le ricette dei designer, vincitore del Premio Bancarella Cucina 2010.

Naturalmente c’è anche una mia ricetta, eccola:

ANTIPASTO DELLA DOMENICA

Il ragù di domenica è una tradizione di famiglia.

Mia mamma cominciava a prepararlo la mattina presto e svegliarsi con quel profumo era un piacere dei sensi: l’assaggio su una fetta di pane con una spolverata di parmigiano era d’obbligo, a seconda dell’orario, come colazione o antipasto!

Le melanzane sono un’altra mia passione e per questa ricetta ho pensato di unire questi due sapori semplici ma che sanno di ricordi e di coccole.

 

Ingredienti (per 4 persone)

250 ml passata di pomodoro  |  1 melanzana  |  100 gr di ricotta fresca  |  Ricotta salata  |  Parmigiano  |  Pane (2 fette tagliate a metà o 4 intere se di piccole dimensioni)  |  Basilico  |  Noce moscata  |  Sale  |  Pepe nero  |  Aglio  |  Olio extravergine di oliva

 

Preparazione

Se non avete la fortuna di avere pronto del ragù napoletano, o non è domenica, preparate un sughetto con aglio, olio evo, passata di pomodoro, sale e basilico.

Nel frattempo tagliate le melanzane a fette spesse e passatele velocemente in una padella antiaderente senza condimento e a fuoco vivo per farle asciugare in superficie.

Terminate la cottura friggendole in olio bollente per qualche minuto. Lasciatele asciugare bene su carta assorbente e salatele.

Preparate la crema di ricotta mescolandola con due cucchiai di parmigiano, un cucchiaino di olio evo, un pizzico di noce moscata e due di pepe.

Ora assemblate il piatto: condite il pane con abbondante sugo caldo e una spolverata di parmigiano. Procedete a strati con qualche cucchiaino di crema alla ricotta, le melanzane fritte e, in ultimo, un cucchiaio di sugo.

Guarnite con scaglie di ricotta salata e una fogliolina di basilico. Servite subito.

 

Vino in abbinamento

La mia scelta si orienta su un vino campano, l’Aglianico IGT.

 

In alternativa

Se non siete riusciti nella preparazione telefonate a vostra madre oppure andate da Brandi (Salita S. Anna di Palazzo, Napoli) e consolatevi con un’ottima pizza!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


8 × tre =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>