Il profumo secondo me

Se potessi non rinascerei uomo o in un altro periodo storico.

Vorrei rinascere naso.

Non ho speciali doti olfattive ma solo una propensione a memorizzare gli odori e ad associarli a persone o a particolari ricordi. Adoro provare i profumi e sentire quell’esplosione di sensazioni che si susseguono per poi fondersi sulla pelle in qualcosa di diverso e unico.

Eppure, a causa della mia pigrizia, non indosso il profumo tutti i giorni. 
E poi mi piacerebbe poterlo sempre associare al mio stato d’animo, anche se è impossibile, vista la velocità con cui cambia!

Ho letto solo due libri sull’argomento: l’ormai famoso Il Profumo, di Patrick Suskind, e Storia di un naso. Lo straordinario talento di una creatrice di profumi di L. Tonatto e A. Montrucchio, ediz. Einaudi.

Quest’ultimo, biografia del naso Laura Tonatto, mi ha fatto riflettere sul fatto che il naso è un artigiano del profumo: un creativo con competenze tecniche, dedito alla ricerca e alla sperimentazione con impegno e passione.
Famosi sono i profumi creati dalla sig.ra Tonatto per rendere la sensazione odorosa degli elementi raffigurati in celebri dipinti, come il Suonatore di liuto di Caravaggio e la Nascita di Venere di Botticelli.

L’argomento è vastissimo e se siete curiosi come me vi consiglio di seguire i diversi blog tematici (ad es. Bergamotto e Benzoino), spesso contenenti le recensioni dei profumi, sia commerciali che d’autore, i corsi da poter frequentare e gli eventi più interessanti anche per semplici curiosi. Se invece avete altri testi da consigliarmi sull’argomento, ditemi pure!

Ah, se potessi rinascere creerei un profumo per ogni mia creazione di design, mostra e depliant, per un progetto davvero multisensoriale.

Qual’è invece il vostro rapporto con il profumo? 
Cosa ne pensate della relazione profumo/design?

Link:
http://www.lauratonatto.com/
http://bergamottoebenzoino.blogspot.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *