Plastiche Alchemiche al PLART

Venerdì 1° aprile sono stata all’inaugurazione della nuova sezione multimediale del PLART (di cui vi avevo parlato qui) e della mostra relativa dal titolo Plastiche Alchemiche, progettato dalla Id Lab Milano in collaborazione con m&a, JulianKoschwitz, il gruppo VoidDoIt ed Xtend3dLab.
Il percorso è stato diviso in 7 aree tematiche, che portanoil visitatore a vivere una serie di esperienze formative: completamente al buio si comincia con la storia e l’evoluzione della plastica e dei suoi protagonisti e si passa attraverso installazioni interattive e snodi informativi dal fine ludico/didattico. Nell’ultima area ci si saluta con le plastiche biodegradabili ed un messaggio legato alla sostenibilità ambientale, che è più un augurio: “Da un mare di petrolio ad un campo di girasoli”.
Nella sala delle esposizioni temporanee due installazioni:

–  MicroSenSo.Microfono Sensibile al Soffio: suoni, voci e scritte si amplificano e siriducono di tono seguendo il comportamento del visitatore e la sua interazione con un particolare microfono britannico degli anni ’40. Installazione a cura dell’associazione Xtend3dLab.
–  Plastic fantasia:uno spazio “onirico” creato usando una combinazione di movimenti, suoni, luci e ombre, dove gli oggetti hanno una vita propria, diversa dalla normalità quotidiana alla quale siamo abituati. Installazione a cura di Elio Caccavale e gli studenti Anna-Clara Rendahl, Mike Shorter, Paddy Stevenson-Keating, dell’Università di Dundee.

La mostra continua, fateci un salto. L’ingresso è libero.
Via Martucci 48, Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *