Trends e futuro: Lidewij Eledlkoort

Vi piacerebbe dare un’occhiata al vostro futuro?
E se vi dicessi che potrebbe cambiare in positivo il vostrolavoro?
Se aveste una DeLorean probabilmente vi fiondereste aleggere gli almanacchi delle estrazioni dell’enalotto: scelta comprensibile!
Con molta meno probabilità vi informereste sui temi sociali,culturali ed ecologici, ne tanto mento andreste alle fiere di arredamento edalle sfilate di moda per capire le tendenze del futuro.
Eppure, grazie a questa esperienza, potreste cominciarea sviluppare progetti rispondenti alle esigenze del futuro e non seguireaffannosamente le tendenze del momento.
Esistono persone che hanno una particolare dote nell’anticiparedove saremo tra qualche anno, cosa mangeremo, cosa indosseremo, in che modo comunicheremo.
Lidewij Eledlkoort è una di queste e ha fatto del suo intuito una professione (indipendent trend consultant) anche se le doti, da sole, non bastano se non sono supportate da un’adeguata formazione, un costante aggiornamento, una vasta cultura ed una grande esperienza.

 

La sua agenzia (la Trend Union, con sede a Parigi, Tokyo e New York) ogni anno pubblica in edizione limitata diversi Trend bookche approfondiscono, per ogni argomento, tendenze, gusti, bisogni dei consumatori nei prossimi anni.

Tra i suoi clienti importanti aziende e stilisti enon è difficile capirne il motivo: sapere con anticipo permette di focalizzarele proprie energie e risorse economiche ed essere all’avanguardia nel propriosettore. E Li Eledlkoort è la persona giusta, visto che è stata eletta dal Time tra le più influenti nel mondo della moda.

Se anche voi volete averne un assaggio provate a “sfogliare” la Trend Tablet, che Eledkoort cura per il popolo del web.

Ma cosa dobbiamo aspettarci dal futuro?
Secondo la signora Eledlkoort in futuro il design sirelazionerà sempre più alle altre discipline, occupandosi non solo prodottima di nuovi scenari, servizi, soluzioni del vivere. Arte, cultura, scienze, botanica e biologia lavoreranno insieme, un pò come accadeva nel settecento.

La creatività deve trasformarsi in salute. La società deve usare la creatività per produrre relax. Rilassarsi, anche se sembra paradossale, porterà a ragionare con calma, con più attenzione, con più serenità, e aiuterà a capire come fare soldi anche in una situazione apparentemente drammatica. Non fare, certe volte, è più importante che fare.
Lidewij Eledlkoort

Sapere il futuro mi mette un pò di paura… ma una sbirciatina non può fare così male,non trovate?

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *